Dimensione del testo:  
 
 
 
 
 

Sondaggio

Quante italiane raggiungeranno gli ottavi di Champions?






 
... sei nella categoria: Notizie
Atalanta, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli e Roma... cosa fanno alla prima del nuovo anno?

Serie Avai a Serie A

 
Torna Indietro
 
 
 
Pubblicato il 02/01/2021.

A qualche giorno dalla ripresa del campionato abbiamo evidenziato l’andamento delle sette big della Serie A (Atalanta, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli e Roma) alla prima del nuovo anno dal 2016 in poi.

 

Quattro vittorie, un pareggio, due sconfitte
Domenica 5 gennaio 2020: Brescia-Lazio 1-2 e Roma-Torino 0-2. Il giorno seguente, lunedì 6: Atalanta-Parma 5-0; Juventus-Cagliari 4-0; Milan-Sampdoria 0-0; Napoli-Inter 1-3.
Non è una novità nella Torino bianconera l’avvio del nuovo anno con i tre punti. I campioni d’Italia in carica, infatti, dal 2016 hanno sempre e solo ottenuto delle vittorie dopo il veglione del 31 dicembre. In sequenza, oltre al già ricordato 4-0 sul Cagliari: 3-0 al ChievoVerona nel 2019, 1-0 sul Cagliari nel 2018, 3-0 sul Bologna nel 2017, infine, altro 3-0 stavolta sull’Hellas Verona nel 2016. Percorso netto con 14 gol marcati e zero incassati.
Non solo.
La Vecchia Signora, se continuiamo ad andare indietro nel tempo, è in serie positiva alla prima del nuovo anno da ben 7 stagioni (ultimo KO il 6 gennaio 2013, 1-2 con la Sampdoria allo Stadium).
Solo l’Inter si avvicina alla prestazione dei bianconeri. La Beneamata, infatti, ha sempre fatto punti nelle ultime 6 annate (il 6 gennaio 2014 la più recente sconfitta, in casa della Lazio per 0-1). Oltre la vittoria esterna a Napoli di un anno fa, prima c’erano state lo 0-0 col Sassuolo nel 2019, l’1-1 con la Fiorentina nel 2018, il 2-1 sull’Udinese nel 2017, l’1-0 sull’Empoli nel 2016. Quindi 3 affermazioni e 2 segni X.
Fra gli altri club, quelli più vicini alla coppia protagonista del derby d’Italia, sono l’Atalanta (non perde dal 2016, Udinese) e il Milan (come la Dea KO nel 2016, Bologna). Ma se i nerazzurri hanno in corso una sequenza di 4 vittorie, il Milan dopo un tris di successi è incappato nel pareggio ad occhiali di dodici mesi fa contro i blucerchiati.
Per la Lazio quello di Brescia ha rappresentato il ritorno ai tre punti tutti assieme dopo che la prima del 2019 era finita con un KO per mano del Napoli.
Napoli che, come la Roma, aprì il 2020 con una battuta d’arresto.

 

The player of the month... per usare l'inglese
A questo punto non resta che rintracciare, per ognuno dei club presi in esame, il primo calciatore andato a segno nel 2020.
Ad aprire le marcature in Atalanta-Parma 5-0 fu Gomez all’11’. A sbloccare Napoli-Inter dallo 0-0 fu, invece, Lukaku al minuto 14. In Juventus-Cagliari la prima firma del 4-0 fu, tanto per cambiare, quella di Cristiano Ronaldo al 49’. In Brescia-Lazio toccò a Immobile pareggiare al 42’ il vantaggio delle Rondinelle firmato da Balotelli. Inutile, ai fini della classifica, la rete di Milik al 39’ di Napoli-Inter (quando il punteggio era già sullo 0-2).
Paragrafo a parte meritano il Milan e la Roma. Entrambe le compagini trovarono la via del gol soltanto al secondo impegno di campionato nel nuovo anno. Per i rossoneri fu Rafael Leao a fare centro sul campo del Cagliari. Mentre per i giallorossi fu Perotti, su calcio di rigore, ad accorciare lo svantaggio nel match interno contro la Juventus.
Cercando i primi marcatori anche per le stagioni passate, sempre dal 2015/2016, ci imbattiamo in alcune situazioni davvero singolari.
L’Atalanta, con Gomez ancora fuori rosa, non avrà a disposizione nessuno dei calciatori che hanno fatto centro nel periodo da noi analizzato. Perché nel 2019 a esordire come goleador fu Mancini; nel 2018 Cornelius; nel 2017 nuovamente Gomez; nel 2016 D’Alessandro.
Vero e proprio bomber di gennaio risulta invece Immobile, Lazio. Da quando veste il biancoceleste è sempre andato a segno all’esordio nel nuovo anno. E se la passata stagione, due campionati fa e, per ultimo, nel 2017 fu proprio il primo laziale a marcare nel massimo torneo, nel 2017/2018 lasciato questo onore a Luis Alberto, rifilò alla Spal un poker di reti nel successo esterno per 5-2.
L’8 gennaio 2017 la Roma di Spalletti passò sul campo del Genoa di Juric per 1-0. Ma autore di quell’unica rete fu il rossoblù Izzo con un autogol.
Chiusura sull’Inter. Nel torneo 2018/2019 a gennaio non marcò gol in Serie A, rimediando 1 pareggio (Sassuolo) e 1 sconfitta (Torino). Il primo centro arrivò sultano a febbraio, al 79’ della 23esima giornata (Parma) con un destro di Lautaro Martinez.



 
 
 
 
 
  
 

CLASSIFICA