Dimensione del testo:  
 
 
 
 
 

Sondaggio

Chi sarà il capocannoniere della A 18/19?









 
... sei nella categoria: Notizie
Lazio-Roma: il derby delle assenze

Numeri in Libertàvai a Numeri in Libertà

 
Torna Indietro
 
 
 
Pubblicato il 31/03/2016.

C'era un tempo il Derby, la stracittadina che da sola valeva un'intera stagione.
Si, perché quello che andrà in scena allo Stadio Olimpico di Roma, domenica prossima 3 Aprile, alle ore 15.00, si prospetta come un derby del tutto anomalo e, per certi versi, mai visto.
Bookmakers e siti di scommesse sono come sempre al lavoro per offrire le quote più aggiornate.
La Roma, come era facile prevedere, parte favorita giacché una vittoria della squadra giallorossa è data a quota 2,20 mentre il trionfo dei biancoazzurri viene quotato 3,30. Più equilibrato il pareggio dato a 3,20. Chiunque desiderasse scommettere sulla propria squadra del cuore o avesse qualche intuizione vincente può approfittare del vantaggioso Unibet Codice Bonus un codice pensato per tutti i nuovi iscritti che permette di scommettere e giocare in piena serenità.
Ma, come accennavamo, al di la delle scommesse e dei pronostici, il derby è sempre stato una partita a sé stante: dal 1929 ad oggi, sono 143 i precedenti incontri tra le due squadre capitoline e 50 volte la Roma è risultata vincitrice contro le 36 volte della Lazio. I pareggi totali, sino a qui, sono stati invece 57.
Ma quella che attende le due squadre domenica sarà, probabilmente, una gara che passerà alla storia in primis per le grandi assenze, dentro e fuori dal campo.
Molto probabilmente non ci saranno i nomi importanti di quei campioni che hanno fatto la storia della AS Roma, come Capitan Totti e "Capitan Futuro", soprannome utilizzato dai giallorossi per indicare Daniele De Rossi. A recepire tutta l'eredità, romana e romanista, vi sarà invece, con ogni probabilità, il giovane Florenzi nuovo idolo della tifoseria romana. Ed ecco qui la nota più dolente: la tifoseria.
Eh già perché oltre alle assenze in campo, ciò che, forse, peserà di più sull'umore e sull'atmosfera di questo imminente derby sarà l'assenza dei supporter delle due squadre.
Mai prima d'ora l'Olimpico è stato così deserto e mai prima di questo match, in un momento così delicato ed importante della stagione, è venuto meno il tifo ed il sostegno delle tifoserie.
Ad oggi, infatti, sembra che i biglietti venduti non raggiungano nemmeno le 9 mila unità: un record negativo assoluto mai registrato in una piazza come quella romana.
Entrambe le curve sono ancora in protesta contro le Società per le barriere e per l'adesione alle nuove norme sul tifo e sull'affluenza allo stadio.
Ma un derby senza cori, senza striscioni coreografici, senza le famose magliette con scritte ironiche e senza i coloriti sfottò che da sempre animano la capitale è un qualcosa a cui difficilmente potremmo abituarci.
Ultime indiscrezioni sembrano confermare che gli ultras della curva Sud seguiranno il match da Testaccio, cuore pulsante del tifo giallorosso, mentre i tifosi della Nord si riuniranno in una location ancora segreta con prenotazione obbligatoria.
Il Prefetto di Roma Gabrielli ha dichiarato in un'intervista che auspica che le tifoserie tornino sui loro passi e riprendano a seguire la propria squadra del cuore allo stadio. Intanto nella capitale è stato predisposto un piano di viabilità teso a prevenire eventuali incidenti e, per avere tutte le news su chiusure di strade o deviazioni di mezzi pubblici è possibile consultare il sito ufficiale del Comune di Roma nella pagina speciale dedicata alla mobilità in occasione del Derby.
Ma, dopo tanto "calcio parlato", veniamo ora a qualche dato concreto relativo alle probabili formazioni.
Nelle fila giallorosse non ci saranno quasi sicuramente Norbert Gyomber assente per una frattura all'alluce e Ezequiel Ponce vittima di una lesione al legamento crociato. Probabilmente non vedremo per tutti i 90 minuti nemmeno Totti né De Rossi vittima di un problema alla schiena.
Spalletti, al suo primo derby dopo 7 anni di assenza, dovrebbe schierare gli ormai consolidati Perotti, El Shaarawy, Salah e Pjanic. Speriamo comunque di vedere, almeno per qualche minuto, Francesco Totti in quello che potrebbe essere il suo ultimo derby in carriera.
In casa biancoceleste, le assenze che peseranno di più saranno quella ormai consolidata di Stefan de Vrij che, purtroppo, sarà fuori sino al termine del campionato. Assente anche Ricardo Kishna per una lesione di primo grado del bicipite femorale. Più incerta invece la condizione di Dusan Basta vittima di una lesione del polpaccio e di Abdoulay Konko e Stefan Radu entrambi con un problema muscolare. Indisponibile per squalifica Senad Lulic.
Certo la Roma, con il suo terzo posto in classifica e con la vittoria delle ultime quattro su cinque partite in campionato si trova in una condizione molto più rosea della Lazio, merito anche del tecnico Luciano Spalletti che ha saputo infondere nuova linfa vitale alla squadra.
Molto più difficile la situazione per il tecnico laziale Stefano Pioli, la cui squadra ha vinto solo una delle ultime 5 partite in campionato.
Non ci resta dunque che aspettare domenica sperando, nonostante le tante assenze, di vedere un derby con l'impeto, la foga ed il cuore di sempre.



 
 
 
 
 
  
 

CLASSIFICA