Dimensione del testo:  
 
 
 
 
 

Sondaggio

Quante italiane raggiungeranno gli ottavi di Champions?






 
... sei nella categoria: Notizie
Analisi retrocessioni dalla A alla B negli ultimi dieci anni

Serie Avai a Serie A

 
Torna Indietro
 
 
 
Pubblicato il 22/01/2015.

Negli ultimi dieci campionati di Serie A solo in due occasioni le ultime tre squadre alla conclusione del girone d’andata sono poi retrocesse in cadetteria. Ma a rendere difficili, per non scrivere impossibili, i sogni salvezza di Cagliari, Cesena e Parma è comunque la media punti delle squadre finite in Serie B dal 2004/2005 in poi.

 

Premesse
Per scovare questo dato (ma anche molti altri) abbiamo preso in considerazione le ultime 10 stagioni di Serie A, poiché fino al 2003/2004 e dall’introduzione dei tre punti a vittoria, le squadre che al termine della stagione scendevano in Serie B erano a quattro.
Inoltre, abbiamo escluso dai nostri conteggi la Juventus 2005/2006, retrocessa dal primo all’ultimo posto in graduatoria con un provvedimento della Giustizia sportiva, ma non per questo privata dei 91 punti conquistati.
In totale abbiamo quindi analizzato 29 retrocessioni che hanno riguardato 21 differenti squadre. Atalanta, Bologna, Brescia e Siena hanno, infatti, subito questa amara sorte due volte; mentre Livorno e Lecce sono scese da una categoria all’altra in tre differenti occasioni.

 

Media punti
La media punti alla conclusione del girone d’andata delle tre squadre poi retrocesse oscilla fra i 18,67 del campionato 2007/2008 (Livorno 22, Parma 18, Empoli 16) ai 12 del torneo 2005/2006 (Lecce 12, Treviso 12).
Solamente in due annate è stata superiore, per pochi decimi, ai 18 punti: nel già citato 2007/2008 e nel 2010/2011 quando si fermò a 18,33 (Sampdoria 26, Brescia 15, Bari 14). Mentre in quattro occasioni la media punti è stata inferiori (o pari) al 14: lo scorso anno con 14 (Bologna 16, Catania 13, Livorno 13); nel 2011/2012 con 13,34 (Cesena 15, Lecce 13, Novara 12); nel 2006/2007 ancora con 14 (ChievoVerona 17, Messina 16, Ascoli 9); infine, nell’anomalo 2005/2006 già richiamato in apertura di paragrafo.

 

07/08 - 18,67
10/11 - 18,33
04/05 - 17,00
09/10 - 15,67
12/13 - 15,33
08/09 - 15,00
13/14 - 14,00
06/07 - 14,00
11/12 - 13,33
05/06 - 12,00

 

Volendo poi ordinare tutte e 29 le retrocessioni considerate, dalla squadra con più a quella con meno punti, ecco che ci troviamo davanti ad una classifica guidata dalla Sampdoria 2010/2011 e chiusa dall’Ascoli 2006/2007.

 

10/11 - Sampdoria - 26
07/08 - Livorno - 22
09/10 - Livorno - 21
04/05 - Bologna - 21
12/13 - Pescara - 20
04/05 - Brescia - 19
07/08 - Parma - 18
08/09 - Lecce - 17
06/07 - Chievo - 17
13/14 - Bologna - 16
07/08 - Empoli - 16
06/07 - Messina - 16
12/13 - Palermo - 15
11/12 - Cesena - 15
10/11 - Brescia - 15
08/09 - Torino - 15
10/11 - Bari - 14
09/10 - Atalanta - 14
13/14 - Catania - 13
13/14 - Livorno - 13
11/12 - Lecce - 13
08/09 - Reggina - 13
11/12 - Novara - 12
09/10 - Siena - 12
05/06 - Lecce - 12
05/06 - Treviso - 12
12/13 - Siena - 11
04/05 - Atalanta - 11
06/07 - Ascoli - 9

 

Ultima, penultima, terzultima… chi giù dalla torre ?
Nel novanta percento dei casi la squadra che ha chiuso il girone d’andata all’ultimo posto è poi retrocessa a fine stagione. L’unica eccezione dal 2004/2005 in poi è rappresentata dal Cagliari che dopo 19 gare della Serie A 2007/2008 contava la miseria di 10 punti.
Nel settanta percento delle volte anche chi era penultimo al giro di boa del campionato è poi sceso in Serie B. Hanno conquistato la permanenza in Serie A il ChievoVerona 2008/2009 (13 punti, come la Reggina ultima)*; la stessa squadra di Reggio Calabria nel 2006/2007 (penultima a pari punti col Parma)*; infine, il Siena nella stagione 2004/2005.
Curiosità chi ha chiuso in 14esima piazza il girone d’andata mai è retrocesso in questi dieci anni. Cosa che non possiamo scrivere dell’11esima posizione, detenuta dalla Sampdoria nel 2010/2011 (a pari punti con i cugini del Genoa) , con ben otto lunghezze di vantaggio sulla terzultima*. Tutti numeri e posizioni che a fine stagione si rivelarono inutili per il destino dei blucerchiati.

 

* In caso di più squadre a pari punti l’ordinamento è puramente alfabetico in quanto le regole per la compilazione della classifica avulsa si applicano solo a torneo concluso.



 
 
 
 
 
  
 

CLASSIFICA